Fotografia macro 2018-03-23T20:32:05+00:00

Project Description

Iscriviti al social network

Iscrizione

LifeDive pubblica le tue foto

Si nutre di Hydrozoa del genene Eudendrium, (Eudendrium racemosumEudendrium rameumEudendrium ramosum), su cui posa le ovature, ma anche di Aiptasia variabilis, del genere Corydendrium o di Pennaria cavolinii. Spesso reperibile assieme al nudibranco Flabellina affinis. La C. peregrina è segnalata come piuttosto aggressiva nei confronti dei propri simili e di altre specie. La difesa avviene tramite gli cnidosacchi posti al termine dei cerata, dove la C. peregrina immagazzina gli cnidoblasti dell’idroide Eudendrium. Se minacciata erige i cerata verso il possibile nemico per allontanarlo

I cavallucci marini si trovano in tutte le acque del mondo tranne quelle glaciali, prevalentemente in prossimità delle coste dove trovano rifugio e sostegni dove potersi ancorare durante i movimenti con la lunga coda prensile. Sono particolarmente diffusi nelle barriere coralline e nelle praterie di fanerogame marine come la Posidonia oceanica.

Diving & Partners

Rispondi